Condanna alle spese e revoca dell’Amministratore di condominio

Condanna alle spese e revoca dell’Amministratore di condominio

Nessuna condanna alle spese nella causa per la revoca dell’amministratore di condominio

La Seconda Sezione Civile ha affrontato il tema della natura del procedimento per la revoca dell’amministratore di condominio ammessa nei casi previsti dall'art. 1131 c. 4 c.c. (mancata notizia all'assemblea della ricezione da parte dell'amministratore di un atto giudiziario o di un provvedimento che abbia un contenuto che esorbita dalle proprie attribuzioni) e dall'art. 1129 c. 11 (omesso rendiconto della gestione o gravi irregolarità) al fine di stabilire la possibilità o meno che all’esito del procedimento possa esserci la condanna al pagamento delle spese processuali.

In un suo recente arresto la Corte di Cassazione ha confermato che il procedimento per la revoca dell’amministratore di condominio non ha natura contenziosa.

Pertanto all’esito dello stesso non potrà aver luogo alcuna condanna al pagamento delle spese del giudizio.

Si riporta estratto della sentenza Cassazione Civile, sez. II , sentenza n° 25336 dell’11.10.2018

“Il provvedimento con il quale il giudice della volontaria giurisdizione si astenga, correttamente, dal regolare le spese di procedimenti sottoposti alla sua attenzione (si trattava della richiesta di nomina giudiziale di un amministratore condominiale) non è impugnabile con ricorso straordinario, ex art. 111 Cost., in Cassazione.”

Fonte: Diritto & Giustizia 2018, 12 ottobre (nota di: Enrico Morello)

Scritto in Notizie il 07.01.2019